Nike Mens Lunarepic Low Flyknit 2 Scarpa Da Corsa 10, Blu Reale Profondo / Blu Medio

B06VXW9K55
Nike Mens Lunarepic Low Flyknit 2 Scarpa Da Corsa (10, Blu Reale Profondo / Blu Medio)
  • scarpe
  • tessuto-e-sintetico
  • suola di gomma
  • Il tessuto nike flyknit è progettato per avvolgere il piede come un calzino per una vestibilità naturale e aderente che si flette ad ogni movimento
  • L'ammortizzazione Lunarlon è una combinazione di schiuma morbida e rigida che aiuta ad assorbire l'impatto e crea una transizione morbida dal tallone alla punta
  • in base ai punti di pressione del piede di un corridore in movimento, la suola presenta aree di ammortizzazione dove ne hai più bisogno
  • le perforazioni nell'avampiede aumentano la traspirazione
Nike Mens Lunarepic Low Flyknit 2 Scarpa Da Corsa (10, Blu Reale Profondo / Blu Medio) Nike Mens Lunarepic Low Flyknit 2 Scarpa Da Corsa (10, Blu Reale Profondo / Blu Medio) Nike Mens Lunarepic Low Flyknit 2 Scarpa Da Corsa (10, Blu Reale Profondo / Blu Medio) Nike Mens Lunarepic Low Flyknit 2 Scarpa Da Corsa (10, Blu Reale Profondo / Blu Medio) Nike Mens Lunarepic Low Flyknit 2 Scarpa Da Corsa (10, Blu Reale Profondo / Blu Medio)
Sprichwörter

Proprio i  Donna Facile Da Indossare Su Sneakers Glitter Scintillanti Di Moda Casual Comfort, Leggero Glitter Nero
 si sono dimostrati i fan più accaniti di Gabbani: vuoi per lo scimmione portando sul palco di Sanremo, vuoi per le canzoni orecchiabili, sono stati tantissimi i genitori che hanno portato i bambini al concerto. Inevitabile qualche imprevisto dovuto alla calca: la piccola Anna, 8 anni, ha perso la mamma per qualche minuto proprio sotto il palco, ma l’arrivo del cantante ha subito fatto dimenticare la paura. E alle 22 anche la mamma e il papà più reticenti non hanno potuto fare altro che unirsi all’entusiasmo dei figli: « I veri fan sono loro , ma piace anche a noi», raccontano due mamme tenendo per mano i pargoli, già impegnati a intonare “Estate” e “Occidentali’s Karma”. Poco distante, due adolescenti rumoreggiano per l’attesa: «Sono qui da stamattina, spero proprio che non faccia due canzoni per poi andarsene».

Malumore svanito in pochi istanti quando Gabbani compare sul palco, si inchina e saluta la folla: « Che spettacolo, Genova , facciamo partire questa serata», scandisce sui primi accordi di “Magellano”. E qualche minuto dopo, con “Estate”, arriva l’augurio: «Con questa canzone vi voglio augurare delle vacanze bellissime». Ovviamente a tempo di musica.


Per il primo step sindacale, Arcelor Mittal schiera un manager di primissima linea: l’ad dei laminati piani per l’Europa, Geert Van Poelvoorde. È lui il capo delegazione e anche se il confronto con i sindacati non è diretto ma ha bisogno dell’interprete, i concetti arrivano chiari. La prima cosa che Van Poelvoorde evidenzia è che il passaggio dell’Ilva in un gruppo mondiale come Arcelor Mittal non significherà chiusura, nè ridimensionamento. «Ma voi davvero - ha detto rivolgendosi ai sindacati - pensate che Arcelor Mittal possa disfarsi dell’Ilva, perchè è interessato solo al suo mercato, dopo essersi impegnato a spendere 4 miliardi tra prezzo di acquisto, interventi ambientali e investimenti industriali?. Nel lungo termine - ha ribadito il manager - intendiamo produrre al massimo della capacità, massimizzando le attività di finissaggio».

Parte in salita la trattativa di Am Investco per il rilancio dell’Ilva

Il primo messaggio, dunque, è stato quello di rassicurare i sindacati: l’Ilva sarà rimessa in pista. Ma, ha aggiunto Van Poelvoorde, dovrà anche integrarsi in Arcelor Mittal e seguirne le logiche che sono quelle dell’efficienza.

Così quando i sindacati hanno posto un tema delicato come quello dell’occupazione puntando a strappare un’ulteriore apertura - oggi l’Ilva ha 14.200 addetti e Arcelor Mittal, rivedendo l’offerta iniziale, si è già impegnato a ricollocarne 10mila dal prossimo anno e per tutto l’iter del piano sino al 2023 -, Van Poelvoorde è stato altrettanto chiaro.

Secondo quanto riferiscono fonti sindacali, il manager ha confermato i 4mila esuberi, che comunque verrebbero presi in carico dall’amministrazione straordinaria e utilizzati per le bonifiche o “coperti” con la cassa integrazione, e dichiarato che i 10mila al lavoro sono per Arcelor Mittal un numero adeguato a gestire il rilancio dell’acciaieria di Taranto. Sin dai prossimi incontri potrebbe essere presentata un’organizzazione del lavoro che indicherà l’impiego dei decimila addetti.

TGCOM24

Sezioni

Speciali